totani e carciofi, tutto si può fare


Da anni mi considero una privilegiata, lo riconosco, sono riuscita a realizzare i miei progetti.
Se guardo indietro mi sembra sia passato solo un giorno da quando iniziavo a vedere a grandi linee il mio futuro, invece eccomi qua a constatare  che ogni singolo “mattoncino” ha concretato il mio cammino: famiglia, affetti,  lavoro, vita sociale e riconoscimenti.

Questo è un momento particolarmente proficuo e non posso che sentirmi  fortunata anche grazie al sostegno di chi mi ama.
Una particolare energia e una  carica vitale, che pensavo di aver esaurito, sono il motore trainante che ogni mattina si accende e genera la vitalità di cui si nutre il mio ottimismo che, a sua volta produce efficienza, ecco come tutto si può fare 🙂

Fare, dire, baciare, lettera ……. ho guardato trooooooppo indietro, queste reminiscenze sono un segno della vecchierellitudine 🙂 🙂

Dopo questa riflessione mi accorgo che  il “motore” per funzionare, richiede anche qualcosa di concreto e commestibile, nel caso mi fossi dimenticata sento una vocina  “non sento nessun odorino, stasera pizza e supplì?
Vorrei aprire un parente si: in questa casa e in questa vita io sono il tuttofare e Lui il tottopensare, dove difetto nei tempi di realizzazione dei pasti, Lui prontamente suggerisce l’alternativa 🙂 quando si dice che la mente ha bisogno anche di braccia ……. appunto!!

Come fare una cena: apro il frigorifero, lo richiudo, ci penso e lo riapro per preparare:

Totani ripieni di carciofi e menta

DSCF3701

occorrente per due commensali:
6 totani medi
2 carciofi puliti
1 confezione di pomodori dolci Mutti
2 cipolle bianche piccole
2 zucchine
1 bicchiere di vino bianco
un cuchiaio di pane grattugiato
4 foglie di menta
3 spicchi di aglio
fiocchi di sale al limone Falksalt
pepe, evo

  • pulisci e affetta le zucchine non trppo spesse, in tegame con poco olio fai appassire una cipolla affettata finemente, quando diventa trasparente versa le zucchine e fai insaporire, sfuma con 1/2 bicchiere di vino bianco e porta a cottura, a fiamma bassa per 15 minuti
  • pulire i calamari lasciandoli interi e tieni da parte le teste con i tentacoli
  • affetta finemente una cipolla, pulisci i carciofi e tagliali a lamelle sottili
  • in padella con poco olio rosola: uno spicchio d’aglio, la cipolla e carciofi per pochi minuti, poi unisci le teste e i tentacoli dei totani tagliati a pezzi, fai insaporire, aggiungi 1 cucchiaio abbondande di pomodori e la menta tagliata a mano e un pizzico di pepe a mulinello, mescola e versa il vino, fai sfumare e a fiamma bassa prosegui la cottura per circa dieci minuti
  • a cottura ultimata, aggiungi il pane grattato e amalgama per bene, fai raffreddare e poi riempi i calamari senza eccedere con la farcia, chiudi con gli struzzicadenti
  • nella stessa padella, con poco olio fai rosolare l’aglio a spicchi e i totatni, ci vorranno circa 20 minuti
  • in una piccola padella con un filo di olio, fai soffriggete l’aglio e versa il restante pomodoro, fai cuocere per 5 minuti a fimma medio alta, elimina l’aglio e frulla la salsa

disponi i totani affettai nel piatto sopra le zucchine, condisci con qualche cucchiaino di salsa di pomodoro Mutti e qualche pizzico di fiocchi di sale al limone Falksalt.

Voglio aggiungere una nota: è vero che in cucina molto spesso improvviso le ricette ma non potrei ottenere buoni risultati se non adoperassi i prodotti giusti e di qualità.
Ogni ingrediente contribuisce a rendere saporita e gustaosa la preparazione, cercare di lesinare, per esempio, sul vino in cartone o la cipolla che ha germogliato, l’esito sarebbe sicuramente compromesso.
Le mie buone abitudini in cucina sono quelle di utilizzare sempre: prodotti freschi e di stagione, non avere grandi scorte in frigorifero o nella dispensa, informarmi sull’affidabilità delle Aziende che realizzano prodotti confezionati, mai vini sconosciuti, non cucinare più del necessario e non generare avanzi.
I prodotti che cito nelle mie ricette, li conosco da tempo, li utilizzo e li propongo perchè sono certa della loro bontà.

Queste attenzioni non favoriscono lo spreco e a fin dei conti, si spende meno quando  si acquista la qualità.

Che poi una volta l’anno mi conceda “cibo spazzatura” ……. lo faccio per voi 🙂 così posso raccontarvi quanto è cattivissimo!!! 🙂

firma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...