amuse bouche, aspettando Laura


Sono impertinente. Nella sua accezione positiva.
Lo sono sempre stata, non provo vergogna ad ammetterlo e non me ne faccio vanto, ogni tanto mi controllo ma ci sono casi in cui d’istinto “accorcio le distanze” 🙂


Così è capitato di recente, ho commentato un’immagine su facebook che aveva questo commento
– Ma non era meglio svegliarsi e vedere il mare o il verde dal terrazzo?
Mi sono sentita tirata in ballo, ho il privilegio di avere una terrazza da cui vedere il mare e i fiori delle balconiere; non ho resistito e subito ho ribattuto
lo dico sottovoce: io vedo il mare e il verde del terrazzo, mantieni il segreto. sssssssssssssss 🙂  ”
risposta: – promesso, ma…che invidia!
io: “se pensi di venire a Ostia per fare qualche foto ……. possiamo prenderci un aperitivo e qualche stuzzichino in terrazza  🙂 quando vuoi”
…….
questa è impertinenza!!
Laura  era dall’altro capo della pagina di facebook, pochi giorni dopo è venuta a farmi visita 🙂

gueffus

sandwich1

Sandwich di pane ai cereali con lievito madre
pane ai cereali sciapo e foglie di acetosa rossa, fiocchi di sale nero Falksalt
fette di melanzana grigliate
provola affumicata
qualche noce a piccoli pezzi
una foglia di basilico e una fettina di pomodoro datterino per ogni sandwich

DSCF4989

Gelatina di fico d’india su ricotta affumicata
 1 fico d’india
un pizzico di agar-agar
una fetta di ricotta affumicata

  •  togli la buccia al fico e passa la polpa al setaccio, premi bene e raccogli anche il succo, una parte di questo lo scaldi in un piccolo tegame, nella parte restante sciogli l’agar, poi unisci tutto e porta a ebollizione, versa il liquido in stampi di silicone, lascia freddare poi metti in frigorifero per 2 ore
  • taglia una fetta di ricotta della stessa forma del disco di gelatina di fico d’india , decora con semi di cipolla

DSCF4988

Cilindri obliqui:
1 vasetto di cuore di palma
1peperone
1 fetta sottile di speck, tagliato a strisce di un centimetro
1 fetta di melanzana rossa di Rotonda alla griglia ( o quella che trovi va bene)
fagioli rossi cotti
evo, fiocchi di sale Falksalt

  •  svuota e taglia in diagonale il cuore di palma, asciuga bene dal liquido di conservazione
  • pulisci e taglia il peperone in piccoli pezzi, cuoci in tegame con poco olio, quando sarà diventato morbido e avrà perso la parte liquida togli dal fuoco e lascia raffreddare, dopo potrai frullarlo e ridurlo a crema
  •  in padella molto calda versa le strisce di speck,  dopo un minuto sarà croccante, togli dalla padella e fai colare dal grasso sopra un foglio di carta da cucina
  • affetta la melanzana e fai grigliare con qualche goccia di olio, non deve bruciarsi
  • cuoci i fagioli e, dopo averli scolati dall’acqua di cottura, falli insaporire in un tegame con un filo d’olio, rosmarino e uno spicchio d’aglio intero per pochi minuti
  • composizione: posiziona il cuore di palma nel piatto, riempi con crema di peperone e due listarelle di speck, la fetta di melanzana con un fagiolo e una goccia di olio all’aglio, termina con fiocchi di sale Falksalt

DSCF4979

Palline di panzanella e crema di pecorino:
  mollica di pane, poca acqua e aceto di vino rosso
1 cucchiaio di sugo di pomodoro fresco
cetriolo trito
cipolla rossa di Tropea tritata
2 cucchiai di pecorino grattugiato

  • ammorbidisci il pane sbriciolato con il sugo di pomodoro, poca acqua e aceto, unisci gli altri ingredienti e lascia riposare per un’ora
  • riprendi il composto che sarà morbido e facile da lavorare, forma delle palline, aggiungi qualche goccia di olio
  • scalda un cucchiaino d’acqua e versalo nel pecorino, mescola e poi prepara delle piccole palline schiacciate da sovrapporre alla panzanella, decora con piccole foglie di basilico

Abbiamo conversato, assaggiato, e bevuto un cocktail alcolico di succo d’arancia e crodino, il tempo è volato ……. a presto Laura.

fiore di cera

firma

  1. E tu hai preparato tutto questo per lei? Vengo io allora a trovarti la prox volta che capito a Roma…in realtà oggi di ritorno da Frosinone però ho avuto solo mezz’ora di coincidenza a Termini invece per sedermi con te in terrazza ho bisogno di molto più tempo!!!
    Tanto torno presto…
    Un abbraccio
    Silvia

    (Ora mi re-iscrivo al tuo blog perché domenica con Bloglovin ho fatto più di un pasticcio)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...