fettuccine di lenticchie. Tutto torna


Ci siamo quasi: ho terminato il post con la prima puntata del viaggio in Argentina, ho realizzato alcune ricette della Patagonia, il mio polso ha riacquistato la sua mobilità e le feste si avvicinano.

Cosa manca ancora? Concludere gli impegni prima che inizi il nuovo anno  senza dichiarare ancun buon proposito 😀  Ho poco tempo ……. ecco che tutto torna.

Questa ricetta può essere un’idea per la cena della vigilia.

fettuccine di lenticchie con ragù di verdure
e crema di calamaro

DSCF4829

occorrente per due commensali:
50 gr di lenticchie di Castelluccio
50 gr di semola rimacinata Senatore Cappelli
1 uovo fresco
1/2 cucchiaino di olio extravergine di oliva
1 cucchiaio d’acqua per inumidire le mani
250 gr di calamari
1 spicchio d’aglio
1 cipolla dorata, media
1 carota
1 gambo di sedano
3 pomodori datterino
olio extravergine di oliva
sale e pepe al mulinello
semola
olio di semi per friggere

  • nel frullatore riduco le lenticchie in farina e poi la mescolo alla semola, aggiungo l’uovo e impasto, poi verso il mezzo cucchiaino di olio e una presa di sale; lavoro l’impasto con le mani umide fino ad ottenere una massa compatta e liscia; involgo l’impasto nella pellicola alimentare e lascio riposare per trenta minuti
  • riprendo l’impasto e con il mattarello tiro la sfoglia rettangolare spessa 3 millimetri, spolverizzo con poca semola e arrotolo la sfoglia su se stessa partendo dal lato più stretto, con delicatezza e senza premere; con il coltello taglio strisce larghe 8 millimetri, srotolo le fettuccine e le spolverizzo con altra semola per non farle attaccare
  • pulisco i calamari, li affetto e metto da parte alcuni anelli, il resto lo taglio a piccoli pezzi che verso nel frullatore con qualche goccia di olio e acqua fino a ridurlo a crema; in una padella unta d’olio verso la crema di calamaro con un pizzico di pepe e l’aglio intero, a fiamma bassa lascio cuocere per cinque minuti fino a far evaporare completamente i liquidi, elimino l’aglio e metto da parte la crema di calamaro
  • impano con la semola gli anelli di calamaro, li friggo in padella con olio ben caldo fino a farli diventare dorati, scolo su carta assorbente e aggiungo il sale
  • in padella con poco olio d’oliva verso la cipolla, la carota e il sedano tritati, condisco con un pizzico di sale, lascio cuocere a fiamma bassa fino a quando le verdure si ammorbidiscono completamente; a questo punto aumento la fiamma e verso i pomodori tritati ai quali ho asportato i semi, lascio cuocere per qualche minuto senza far appassire il pomodoro, aggiusto di sale e pepe e spengo la fiamma
  • in abbondante acqua salata cuocio le fettuccine per un minuto e poi le trasferisco nella padella ben calda con il ragù di verdure, manteco per un minuto e poi le metto nel piatto con la quenelle di crema di calamaro calda, gli anelli e le foglie di basilico fritti.

Con questa ricetta partecipo al Coooking Contest di Lorenzo Vinci “Cucina per Chef Pierangelini”

contestfirma

  1. Ecco una di quelle ricette che solo a leggerle ti raccontano i loro profumi e la grande creatività di chi l’ha ideate. Resto sempre ammaliata di fronte alla tua maestria, la tua grande intuizione e la sicura competenza.
    Sono felice che il polso si stia sistemando, ma non avere fretta…
    Ti abbraccio.

    Mi piace

    • Silva ti ringrazio, ti confido (o forse l’ho scitto in qualche post) che sento un forte bisogno di mangiare sempre cose diverse, provo una sorte di “noia” a ripetere i sapori. Sono strana,ma taaaaanto strana 😀 😀 😀 è questo il mio rapporto con il cibo.
      besos
      Sally

      Mi piace

  2. Quanta personalità in questa ricetta! Secondo me è uno di quei piatti che non dimentichi mai di aver mangiato. La crema di calamari mi incuriosisce un sacco. E poi il fascino intramontabile della pasta fatta in casa… mentre leggevo immaginavo le tue mani all’opera! Grande Sally!

    Mi piace

    • Si Affy,grazie, il mio polso è quasi ritornato alle sue funzioni abituali, ancora qualche attenzione e presto sarà libero dalla fasciatura 🙂
      questo mi permetterà,anche se in ritardo, di iniziare una ridottissima produzione di panettoni.
      Per la ricetta ho provato anche un’altra variante: condire le fettuccine con un pesto di lattuga e cipolla e frullare a crudo il calamaro e poi cuocerlo in padella per pochi minuti 😉 il risultato è altrettanto buono!!
      Mi fa sempre piacere la tua visita 🙂
      besos
      Sally

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...